ARTITUDE Arte Contemporanea

Gallery, Magazine, Store

Per l'Arte intesa

come way of life.

Contaminazioni, contenuti fusion,

per chi vive l'arte come una

necessaria componente del

contemporaneo modus vivendi.

Cingolani
 


Ennio Finzi

all articles

2015/11/16

 
 



Share |

Feed Rss




Gallery


Rilevanza del rapporto suono-colore che Finzi, più che “vedere”, ama “ascoltare” e grazie al quale si esprime secondo regole aleatorie in svincolata autonomia.

Ennio Finzi nasce a Venezia nel 1931 e, giovanissimo, si interessa di pittura e di musica. Dopo una temporanea frequenza dei corsi dell'Istituto d'Arte di Venezia viene attratto dall'affascinante scoperta dello sconvolgimento strutturale del cubismo, il che gli permette di trascendere il dato reale della rappresentazione.

Con la Biennale del 1948 si riapre a Venezia l'Archivio Storico delle Arti Contemporanee e questo fatto gli offre la possibilità di dedicarsi allo studio dei maestri delle avanguardie storiche. L'incontro con Atanasio Soldati, genera uno stimolo che influenzerà le opere successive caratterizzate da accesi cromatismi e rigorosi equilibri formali. Nascono così le prime "invenzioni" in cui il ritmo, il colore, la luce, il timbro, assumono il ruolo di elementi portanti e diverranno una costante basilare di tutta la sua ricerca. Notevole influenza in quegli anni viene esercitata su Finzi da Virgilio Guidi per la forza ideologica del pensiero creativo e da Emilio Vedova per l'impeto del gesto che aggredisce la superficie.

La scoperta della musica dodecafonica lo porta ad appropriarsi del principio della "dissonanza", Improvvisamente, in tal modo, la prassi di un colore sciolto da ogni relazione di tono e carico dell'esclusiva funzione di timbro, apre nuovi e vasti orizzonti, tanto che da quel momento e fino al termine degli anni '50 il suo lavoro risulterà un’ossessi va ricerca sulla semantica del gesto, della luce, del timbro. Il rapporto suono-colore, un colore che Finzi, più che "vedere", ama "ascoltare" nelle sue risonanze più intime, gli permette di esprimersi secondo altre regole del tutto aleatorie in svincolata autonomia. 

Sul finire degli anni '50, segnati dalle sconvolgenti intuizioni di Lucio Fontana, che Finzi conosce a Milano in occasione di una sua mostra alla galleria Apollinaire, la turbolenza gestuale e l'urgenza espressiva si placano e subentra una dimensione più riflessiva nella direzione di un superamento della pittura stessa, con l'avvicinamento alle teorie gestaltiche sulla fenomenologia della percezione. I principi della optical art informano le sue ricerche sulla suggestione ottica fino al 1978. Nel 1980 la pittura riconquista lo spazio dominante con un successivo alternarsi di colore e non colore, di luce ed oscurità che si contendono la superficie dell'opera. Il nero viene posto come la luce del buio, del vuoto, del silenzio e lo conduce a sondare le risonanze più segrete dell'inesistente sull'invisibilità della pittura stessa.

Nella continua dialettica che contraddistingue il principio della ricerca, Finzi procede per stadi successivi di evoluzione caratterizzati da espansioni di sontuosità cromatiche e da improvvisi azzeramenti di ogni luminosità in cui concentra allo stato potenziale ogni emissione energetica.

Ha cominciato ad esporre nel 1949 alla fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia dove nel 1956 ha tenuto la sua prima personale. Ha partecipato, su invito, nel 1959 e nel 2000, alla Quadriennale di Roma e nel 1986 alla XLII Biennale d'Arte di Venezia.

Sono da ricordare, oltre alla mostra antologica del 1980 alla Bevilacqua La Masa di Venezia, l'esposizione alla Galleria d'arte Moderna e Contemporanea di Palazzo Forti (Verona) e quella alla Galleria d'Arte Moderna Palazzo dei diamanti (Ferrara). Nel corso del 2002 è stata allestita a Roma e Spoleto una grande retrospettiva dal titolo: Ennio Finzi, Venezia e le avanguardie del dopoguerra. L'ultima importante esposizione personale si è tenuta nel corso del 2005 a Urbino nelle sale del Palazzo Ducale. Nel corso del 2006 e del 2007 assieme alle opere di Gino Morandis ha esposto a Praga, presso la Fondazione Manes, e a Napoli nelle sale di Palazzo Reale.

Ha insegnato all'Accademia di Venezia. Vive e lavora a Venezia - Mestre.

 

Fonte: www.enniofinzi.it



ARTITUDE
 
   

OTHER ARTICLES

   
Franco Donaggio
"La mia fotografia è materia da plasmare. Per me lo scatto è solo il capoverso di un racconto che si esprime nell'opera finale." Franco Donaggio
   
Ester Maria Negretti
"Un’artista che, nell’originalità del proprio lavoro, svela l’anima arcana dei luoghi e le loro suggestioni profonde." Lucia Valcepina
   
Angelo Brescianini
"L'artista pistolero", con il suo singolare e inedito linguaggio continua a incuriosire ed affascinare i collezionisti di tutto il mondo.
   
John Lurie
“Carismatico, magnetico, Lurie è una figura di riferimento dell' altra New York. Forse lo conosciamo meno come artista visivo, anche se dal 2006 il disegno è diventata la sua attività principale” Luca Beatrice.
   
Anna Lorenzini
Dreaming! Pittura onirica, drammatica e traumatica. Complessa ricerca del senso per una declinazione profonda e stimolante.
   
Luca Zampetti. Poeta realista e metropolitano. La critica lo ha da subito inserito tra gli esponenti della Nuova Figurazione Italiana.
Luca Zampetti porta la poetica del cinema sulla tela e tenta di raffigurarne l’anima con rispetto e raffinata devozione.
   
Anna Maria Ferretti Damati. Il viaggio nell'Inferno di Dante nelle sculture di Anna Maria Ferretti Damati
"Bianco e nero, purezza e brutalità, paradiso e inferno: i temi e i colori-non colori che animano l'opera di narrazione dell'artista." Anna Castellari
   
Marco Cingolani
“I believe that art is not an answer but a question, a need for new answers kept in our actions and behaviors".
   
Marco Cingolani
“I believe that art is not an answer but a question, a need for new answers kept in our actions and behaviors."
   
   
Register and sell your art
LOGIN   
  Artist  Consultant
  Forgot your password?

NEWSLETTER

 

EVENTS



COMPETITIONS

 

PREMIO FRANCESCO FABBRI PER LE ARTI CONTEMPORANEE
La seconda edizione del Premio dedicato all'arte emergente e alla fotografia contemporanea